api maggio 2024

Chiamala pure tragedia…apistica

Il 6 aprile faceva caldo e io scrivevo: “la stagione apistica 2024 è iniziata”.
Il 7 maggio fuori piove e io scrivo: “stagione apistica 2024 finita” e visto che fuori piove e ci sono 15 gradi vi beccate tutto il mio umore uggioso.

Un mese trascorso tra freddo e pioggia.
La gran parte delle famiglie di api non hanno avuto modo di raccogliere il nettare di tarassaco, di ciliegio, di acero, e dulcis in fundo, una fioritura di acacia anticipata di 15 giorni saltata per freddo e pioggia.
Tutto questo porta ad avere conseguenze molto difficili, a breve e a lungo termine per le api.
Certo devono ancora arrivare le fioriture di tiglio, castagno, castiglio e millefiori, difficile da capire per chi non è del mestiere, ma si può intuire.
Famiglie di api che non hanno raccolto nettare fino ad oggi sono famiglie deboli e con poche api. E come hanno fatto a tirare avanti queste api in questo tragico mese? Ho dovuto fare delle scelte lungimiranti, come le adozioni, come il Conapi e come tenere gli alveari in più zone del Friuli perché non può andare male male dappertutto.
Ed ecco che, dalle api della bassa friulana raccolgo circa 700 kg di miele di colza che, invece di vendere, restituisco alle api della zona collinare e delle valli del Natisone, ad oggi 400 kg circa.
Questo mese orrendo poi fa male anche a me che, per non avvilirmi troppo, sto facendo fuori tutta la cioccolata che la cugina Silvia mi ha fatto arrivare dalla Svizzera.
Visto che le api non vanno a raccogliere nettare e polline per non avvilirsi anche loro si danno all’arte (vedi le foto).

La conseguenza finale è che IL 31 MAGGIO CHIUDIAMO LE ADOZIONI.

Vi ricordo che domenica 26 maggio sarà la giornata di visita alle api. Noi mettiamo il bere e ognuno di voi porta il cibo da condividere.
Prenotatevi per tempo grazie.

  • api
stagione-apistica-2024

Stagione apistica 2024 – Altro giro altra corsa

Sabato 6 aprile: sole e caldo. Possiamo dire che con oggi inizia a tutti gli effetti la stagione apistica 2024, altro giro altra corsa.
Anno nuovo situazioni nuove: apicoltore che aiuta.. nuovo, giovane e non ha ancora mal di schiena ahah.
BEEshake in aiuto per velocizzare un po’ le visite, funzionerà Speriamo di sì.

Api su Tagliamento delle Ferrari, api in collina benon, api nelle valli delle Fiat 500 (quella degli anni ’60).
Non si può aver tutto bene, altrimenti che gusto c’è a fare il maggiordomosolodelleapi.

  • stagione-apistica-2024
Adotta un alveare bio 2024

Adotta un Alveare Bio 2024

ADOTTA UN ALVEARE BIO 2024
Come ogni anno, marzo è il mese dove inizia Adotta un Alveare Bio.
Quest’ anno siamo giunti alla diciasettesima edizione. Porterà bene questo numero?
Come inizio di stagione apistica, non siamo messi proprio bene: freddo non c’è stato, caldo anomalo a febbraio, solo queste due situazioni già danno delle risposte a breve termine non positive.
Le api insegnano a pensare positivo e allora io penso positivo … e appena torna il sole di marzo si inizia la stagione con le api.
Marzo: livellamento delle famiglie di api, controllo scorte, lavoro in ore non molto impegnativo.
Aprile: livellamento delle famiglie di api, controllo sciamatura, lavoro in ore già molto impegnativo.
E il lavoro aumenterà sempre più nei mesi successivi.

Qui sotto trovate la cartolina di Adotta un Alveare Bio 2024, se cortesemente la condividete nei vostri giri, grazie.

Giulianomaggiordomosolodelleapi
apicanais
staffcanais

Adotta un alveare bio 2024

 

ape

Pian piano ci avviciniamo

Ci avviciniamo alla nuova stagione apistica e intanto le prime visite sono state fatte perché gennaio è finito.
Iniziare a visitare velocemente gli alveari a febbraio è cosa recente.
10 anni fa non esisteva visitare, al massimo nutrivi e basta. Ora visiti, stringi le famiglie perché nel piccolo si sta meglio ed eventualmente nutri. In casi estremi riunisci due famiglie deboli, sperando di aver fatto una cosa giusta.
Febbraio è anche il mese in cui inizi ad avere la” febbre da api “. Mentalmente hai scaricato la passata stagione e hai il desiderio sempre più forte di iniziare a stare con loro.
Poi arriva marzo ed arriva la nuova edizione di ADOTTAUNALVEAREBIO.

  • apiari
api dettaglio

Gennaio 2024

Gennaio è il mese in cui bisogna lasciare le api in pace.
Dopo i trattamenti contro la varroa a novembre e dicembre, controllato ed eventualmente nutrito le api, gennaio è il mese di riposo per l’apicoltore e per le api. Loro hanno bisogno di stare un po’ senza la presenza dell’umano. Lasciarle in questo periodo da sole è cosa saggia.Ci sono dei momenti nella vita dove uno non vuole essere disturbato, per le api questo è il momento.

Periodo di riflessione e organizzazione per l’apicoltore con ritmi lenti come l’inverno richiede, quindi ognuno a casa sua senza disturbarsi.
Poi arriverà febbraio, ma noi siamo ancora a gennaio e non serve correre.

Qui sotto trovate un video molto interessante, prendetevi un po’ di tempo per vederlo, (intanto siamo a gennaio..)
Grazie
giulianomaggiordomosolodelleapi ( in semi riposo )
apicanais ( in riposo)
staffcanais ( in riposo … spero)

 

api in cerchio

Dai alle api una possibilità

É la tua eredità.
É nelle api il tuo futuro. Dagli una possibilità.
Dai alle api una possibilità.

Ci auguriamo per il 2024 un anno di api, di miele, di miele ancora .. e di sorrisi.

Come stanno le api? Per ora tutto ok, grazie 🙂

giulianomaggiordomosolodelleapi e lo staff Canais vi augurano tante belle cose e SERENE FESTE!!!!

  • azienda canais
Manutenzione apiari

Riposo si, riposo no, riposo un pò

Ancora il momento del riposo non è arrivato.
Vedo ancora delle api facendo i trattamenti contro la varroa e dove serve si integrano le scorte per l’inverno. Si fanno anche le pulizie degli apiari (come da foto), il taglio erba e rovi, la manutenzione a qualche giardino, si mette in ordine il magazzino e si pulisce il laboratorio.

Si va anche dai genitori anziani ad aggiustare tapparelle e porte, si potano le piante in giardino.

Il primo dicembre è sempre più vicino. Si parte per la Puglia a svernare con il progetto MAGOTTO, attraversare l’Italia senza vedere l’autostrada.
Freddo arriva ti prego!

  • Manutenzione apiari
miele - api

Ottobre caldo

Siamo ad ottobre, ma ancora le api non se ne sono accorte, così invece di prepararsi al “rigido” inverno che verrà, continuano ad andare in giro allegramente, a consumare le scorte di miele fatte a settembre sulla fioritura dell’edera e le regine continuano a covare.
Sarà un bene? Sarà un male? DIPENDE… Dipende da quanto freddo farà veramente questo inverno. Se sarà simile agli anni passati, allora il maggiordomosolodelleapi dovrà stare dietro alle api anche nei mesi invernali, ma ormai è abituato e sa che sarà così.

 

arnia

Vai vai la stagione apistica non finisce mai

Proprio così, quest’anno sembra che la stagione apistica non finisca mai.
In quel di settembre, di solito con un clima mite, diminuisce di molto il lavoro con le api.
Invece oggi ci sono 30 gradi e le api raccolgono nettare di edera a spron battuto, al punto da dover togliere telai pieni di scorte e inserire dei spazi covata perché la regina non ha spazio dove deporre le uova.
E allora, una stagione che era iniziata con le lacrime, finisce con il sorriso!

  • apicoltore

 

ape sul fiore

Agosto ultimo mese di fatiche

Agosto, ultimo mese di fatiche, si parte presto, ore 6 del mattino per poi finire verso le ore 12 le ore 13.
Visto che non si fanno ferie, solo un giorno in montagna con due amici che ti dicono: vieni dai facciamo un giro piccolo per poi trovarti a 1500 m.s.l. a mangiare il cartoccio e bere due-tre birre grandi per riprenderti dalla fatica.
Non mi fregate più Garibaldi e company..
Si è vero tutto questo non c’entra con le api, ma mi andava di raccontarlo.

Situazione api: fame, fame, fame, tanta fame da doverle nutrire aspettando una buona fioritura di edera che inizierà a breve e che sarà per loro una manna dal cielo visto che sarà l ultima fioritura importante della stagione.
A settembre sapremo come sarà andata.
Buone ferie.
giulianomaggiordomosolodelleapi
staffcanais
apicanais